Non sei registrato? Clicca qui, è gratuito!
mercoledì 23 agosto 2017
  chi siamo | servizi | contatti
  chi siamo | catalogo | collane | novità
  TreviglioLibri | altri eventi | contatti
 
 
 
Ricerca avanzata
Ricerca per categoria
Ricerca per autore
Ricerca per editore
 
 
Articoli
Recensioni film
Eventi
Recensioni libri
Film
Riviste
Novità
Links
La psicoanalisi Vol. 60, La voce
Rivista di sessuologia clinica 1/2017.
Studi junghiani 2016/2. La cultura simbolica come medium per la psiche
 
 
Milano, marzo-novembre 2017
 
 
Gli occhi della bruttezza
 
invia scheda a un amico
invia la tua recensione
   
  torna
Gli occhi della bruttezza
Senso estetico e percezione distorta del proprio corpo

Autore: Giuseppe Maffei
Editore: La Biblioteca di Vivarium
Anno: 2012 
Pagine: 112
ISBN: 9788895601175

Prezzo di copertina: € 16,00

Sconto:15%  € 13,60

Disponibile - E' possibile ordinare

 
Aggiungi al carrello della spesa
 
  • Introduzione

    1. FONDAMENTI
  • L’indifferenziazione tra esterno e interno
  • Indifferenziazione e risonanze
  • L’intreccio delle qualità
  • L’indifferenziazione dei cinque sensi
  • L’indifferenziazione della colpa
  • L’indifferenziazione tra pulsioni di vita e pulsioni di morte
  • Differenziazione e distacco
  • Differenziazione delle qualità psichiche. La vettorizzazione
  • Al di là del doppio. Separazione dagli oggetti di amore
  • Trasformazioni

    2. CLINICA
  • Per iniziare
  • La bellezza e la bruttezza oggi
  • L’esperienza estetica (un primo intervallo poetico)
  • Le varie dismorfofobie
  • Nuove teorizzazioni
  • Aspetti particolari: a) Lo specchio - b) La bellezza fuggitiva (un secondo intervallo poetico) - c) La superficie e l’abbigliamento - d) Immaginario femminile e maschile - Sguardi sulla perversione
     
  • Conclusione
  • Bibliografia

“Questo studio si origina nelle difficoltà incontrate nel lavoro con pazienti diagnosticati come dismorfofobici e le cui psicoterapie analitiche si trovano spesso in situazioni di impasse. Questi pazienti che a uno sguardo esterno non appaiono affatto brutti, si percepiscono invece come tali. E il loro vedersi brutti è per chi li osserva del tutto incomprensibile. (...)
Va subito detto che spesso i problemi concernenti la bellezza e la bruttezza vengono vissuti e presentati, da coloro stessi che ne soffrono, come problemi banali e superficiali. Esiste cioè, abbastanza diffusa, una certa vergogna (specie nel sesso maschile) a porre questa problematica. Occorre così non cadere nella trappola del preconcetto di considerare i problemi estetici come problemi superficiali. Dobbiamo essere profondamente consapevoli di quanto i problemi relativi alla bellezza e alla bruttezza possano fare soffrire. (...)
Credo che alcuni lettori di questo saggio troveranno molto da ridire sull’uso disinvolto di concetti appartenenti a diversi ambiti concettuali. Alcuni lettori saranno portati a criticare la compresenza di vari linguaggi teorici. Questa è una critica che può essere radicale, una critica che può mettere in crisi i fondamenti di quanto sto dicendo. D’altro canto, quando un clinico si trova di fronte a delle situazioni che non riesce a capire, se vuole rimanere fedele al metodo clinico, non ha scampo. Non può che cercare di trovare possibilità di comprensione al di fuori di ciò che ha sempre saputo e sa. Non può non cercare illuminazioni che gli possano pervenire da tutto ciò di cui può venire a conoscenza. Un clinico deve sapere sorprendersi non solo nei rapporti con i pazienti ma anche nei rapporti con i sistemi teorici di altre scuole. Perché nascano nuove idee e nuovi insight è necessario anche lasciarsi trasportare in una confusione da cui può essere difficile uscire. Con i pazienti sofferenti per la loro presunta bruttezza, il nostro compito di terapeuti (in alcuni casi) è molto difficile. Ma è troppo presto per averne idee chiare e distinte. È pertanto necessario avere il coraggio di ammettere di non saperne ancora a sufficienza e continuare a cercare” (dall’Introduzione dell’autore).


 
 
Zephyro Edizioni Srl Psicoanalisi Bookshop | P.IVA 12929740152
Piazza Vallicella, 6 - 24047 Treviglio (BG) Tel. 03631901071 - Fax 03631901053 - E-mail: info@psicoanalisibookshop.it - Privacy Policy