Non sei registrato? Clicca qui, è gratuito!
domenica 30 aprile 2017
  chi siamo | servizi | contatti
  chi siamo | catalogo | collane | novità
  TreviglioLibri | altri eventi | contatti
 
 
 
Ricerca avanzata
Ricerca per categoria
Ricerca per autore
Ricerca per editore
 
 
Articoli
Recensioni film
Eventi
Recensioni libri
Film
Riviste
Novità
Links
Psicoanalisi 2016/2. Psicosi "bianche" e trattamento psicoanalitico
Psicobiettivo 2017/1. Psicoterapia tra creatività e scienza
Rivista di psicologia analitica 94/2016. La cura dell'etica
 
 
Milano, marzo-novembre 2017
 
 
Daseinsanalyse in psichiatria
 
invia scheda a un amico
invia la tua recensione
   
  torna
Daseinsanalyse in psichiatria

Curatore: Aurelio Molaro
Editore: La Biblioteca di Vivarium
Anno: 2014 
Pagine: 114
ISBN: 9788870431780

Prezzo di copertina: € 11,00

Sconto:15%  € 9,35

Disponibile - E' possibile ordinare

 
Aggiungi al carrello della spesa
 
Nell’ampio e variegato panorama della psichiatria e della psicopatologia della prima metà del XX secolo, la figura di Ludwig Binswanger ha saputo coniugare, non senza limiti e contraddizioni, un’onestà intellettuale comune a pochi studiosi a lui contemporanei, una spiccata passione per l’uomo, un fine spirito di ricerca e – soprattutto – una generosa dedizione alla propria missione di medico, e di psichiatra in particolare. In questo contesto, il pensiero e l’opera di Binswanger possono essere a pieno titolo collocati tra i momenti più alti della riflessione epistemologica intorno ai fondamenti e alle modalità conoscitive della scienza psichiatrica e della psicopatologia del Novecento, le cui conclusioni, al di là di inevitabili aporie e di indispensabili aggiustamenti, non smettono di interrogare e di stimolare tanto l’uomo di scienza (e il medico nello specifico), quanto lo psicologo, il filosofo e chiunque voglia confrontarsi con il complicato universo della sofferenza mentale e delle sue svariate possibilità ermeneutiche. - See more at: http://www.raffaellocortina.it/index.php?route=product/product&product_id=6536#sthash.B3lxLZlc.dpuf
Nell’ampio e variegato panorama della psichiatria e della psicopatologia della prima metà del XX secolo, la figura di Ludwig Binswanger ha saputo coniugare, non senza limiti e contraddizioni, un’onestà intellettuale comune a pochi studiosi a lui contemporanei, una spiccata passione per l’uomo, un fine spirito di ricerca e – soprattutto – una generosa dedizione alla propria missione di medico, e di psichiatra in particolare. In questo contesto, il pensiero e l’opera di Binswanger possono essere a pieno titolo collocati tra i momenti più alti della riflessione epistemologica intorno ai fondamenti e alle modalità conoscitive della scienza psichiatrica e della psicopatologia del Novecento, le cui conclusioni, al di là di inevitabili aporie e di indispensabili aggiustamenti, non smettono di interrogare e di stimolare tanto l’uomo di scienza (e il medico nello specifico), quanto lo psicologo, il filosofo e chiunque voglia confrontarsi con il complicato universo della sofferenza mentale e delle sue svariate possibilità ermeneutiche. - See more at: http://www.raffaellocortina.it/index.php?route=product/product&product_id=6536#sthash.B3lxLZlc.dpuf
Nell’ampio e variegato panorama della psichiatria e della psicopatologia della prima metà del XX secolo, la figura di Ludwig Binswanger ha saputo coniugare, non senza limiti e contraddizioni, un’onestà intellettuale comune a pochi studiosi a lui contemporanei, una spiccata passione per l’uomo, un fine spirito di ricerca e – soprattutto – una generosa dedizione alla propria missione di medico, e di psichiatra in particolare. In questo contesto, il pensiero e l’opera di Binswanger possono essere a pieno titolo collocati tra i momenti più alti della riflessione epistemologica intorno ai fondamenti e alle modalità conoscitive della scienza psichiatrica e della psicopatologia del Novecento, le cui conclusioni, al di là di inevitabili aporie e di indispensabili aggiustamenti, non smettono di interrogare e di stimolare tanto l’uomo di scienza (e il medico nello specifico), quanto lo psicologo, il filosofo e chiunque voglia confrontarsi con il complicato universo della sofferenza mentale e delle sue svariate possibilità ermeneutiche. - See more at: http://www.raffaellocortina.it/index.php?route=product/product&product_id=6536#sthash.B3lxLZlc.dpuf
Nell’ampio e variegato panorama della psichiatria e della psicopatologia della prima metà del XX secolo, la figura di Ludwig Binswanger ha saputo coniugare, non senza limiti e contraddizioni, un’onestà intellettuale comune a pochi studiosi a lui contemporanei, una spiccata passione per l’uomo, un fine spirito di ricerca e – soprattutto – una generosa dedizione alla propria missione di medico, e di psichiatra in particolare. In questo contesto, il pensiero e l’opera di Binswanger possono essere a pieno titolo collocati tra i momenti più alti della riflessione epistemologica intorno ai fondamenti e alle modalità conoscitive della scienza psichiatrica e della psicopatologia del Novecento, le cui conclusioni, al di là di inevitabili aporie e di indispensabili aggiustamenti, non smettono di interrogare e di stimolare tanto l’uomo di scienza (e il medico nello specifico), quanto lo psicologo, il filosofo e chiunque voglia confrontarsi con il complicato universo della sofferenza mentale e delle sue svariate possibilità ermeneutiche. - See more at: http://www.raffaellocortina.it/index.php?route=product/product&product_id=6536#sthash.B3lxLZlc.dpuf

Nell’ampio e variegato panorama della psichiatria e della psicopatologia della prima metà del XX secolo, la figura di Ludwig Binswanger ha saputo coniugare, non senza limiti e contraddizioni, un’onestà intellettuale comune a pochi studiosi a lui contemporanei, una spiccata passione per l’uomo, un fine spirito di ricerca e – soprattutto – una generosa dedizione alla propria missione di medico, e di psichiatra in particolare. In questo contesto, il pensiero e l’opera di Binswanger possono essere a pieno titolo collocati tra i momenti più alti della riflessione epistemologica intorno ai fondamenti e alle modalità conoscitive della scienza psichiatrica e della psicopatologia del Novecento, le cui conclusioni, al di là di inevitabili aporie e di indispensabili aggiustamenti, non smettono di interrogare e di stimolare tanto l’uomo di scienza (e il medico nello specifico), quanto lo psicologo, il filosofo e chiunque voglia confrontarsi con il complicato universo della sofferenza mentale e delle sue svariate possibilità ermeneutiche

L'autore:

Ludwig Binswanger (1881-1966), psichiatra svizzero, è considerato uno dei massimi esponenti della psichiatria fenomenologica. Fondatore della Daseinsanalyse, è autore di una serie di scritti degnamente annoverati tra i classici della riflessione psichiatrica del XX secolo.

Ludwig Binswanger (1881-1966), psichiatra svizzero, è considerato uno dei massimi esponenti della psichiatria fenomenologica. Fondatore della Daseinsanalyse, è autore di una serie di scritti degnamente annoverati tra i classici della riflessione psichiatrica del XX secolo: - See more at: http://www.raffaellocortina.it/index.php?route=product/product&product_id=6536#sthash.B3lxLZlc.dpuf

 
 
Zephyro Edizioni Srl Psicoanalisi Bookshop | P.IVA 12929740152
Piazza Vallicella, 6 - 24047 Treviglio (BG) Tel. 03631901071 - Fax 03631901053 - E-mail: info@psicoanalisibookshop.it - Privacy Policy