Non sei registrato? Clicca qui, gratuito!
sabato 21 ottobre 2017
  chi siamo | servizi | contatti
  chi siamo | catalogo | collane | novità
  TreviglioLibri | altri eventi | contatti
 
 
 
Ricerca avanzata
Ricerca per categoria
Ricerca per autore
Ricerca per editore
 
 
Articoli
Recensioni film
Eventi
Recensioni libri
Film
Riviste
Novità
Links
Rivista di psicologia analitica 95/2017. La Malattia della Cura
La psicoanalisi Vol. 60, La voce
Rivista di sessuologia clinica 1/2017.
 
 
Milano, marzo-novembre 2017
 
 
Fantasma d'amore
 
invia scheda a un amico
invia la tua recensione
   
  torna
Fantasma d'amore
Per una psicologia poetico-quantistica del profondo e dello spettro archetipico

Autore: Baldo Lami
Editore: Zephyro Edizioni
Anno: 2017 
Pagine: 92
ISBN: 9788883891151

Prezzo di copertina: 15,00

Disponibile - E' possibile ordinare

 
Aggiungi al carrello della spesa
 

Se fosse un racconto di fantascienza si potrebbe definire un viaggio nell’immagine, condotto aldilà delle porte del sogno alla ricerca della sua sorgente e del segreto della creazione. Ma non è un racconto di fantascienza, né di scienza, né di pura fantasia. Sebbene questi registri narrativi siano intrecciati con quello proprio della psicoanalisi in una dimensione inter e transdisciplinare.
L’elemento “poetico” che può connetterli è il fantasma, che dà infatti il titolo al libro con l’attribuzione romantica di “fantasma d’amore”. Da cui parte tutto il discorso che vi si svolge per parlare di noi, della profonda crisi di destino che ci attraversa, che è principalmente una crisi del desiderio, dell’immagine e quindi dell’umano “fatto a immagine”. Al fine di ricrearne le ali, che sembrano ormai irrimediabilmente danneggiate non tanto per il lungo viaggio, quanto per il loro cattivo uso. Ali immaginali, che sono state intessute con i fili della tela di Penelope in attesa del ritorno al cuore del soggetto errante della conoscenza.
Viaggio non privo di pericoli anche per l’autore, che si è trovato a utilizzare una miscela a dir poco esplosiva connettendo la fantasmatica archetipica con quella quantistica. Integrando per giunta le concezioni dei tre massimi geni “eretici” della psicoanalisi contemporanea: Hillman, Lacan e Montefoschi.
Molte sono state però le sorprese e le scoperte di questo straordinario viaggio: i curiosissimi omissis dei due padri fondatori della psicoanalisi in merito proprio al sogno e alla tela di Penelope; la nascita quantofantastica del sogno a “scelta ritardata”; l’identificazione in qualità di “daimon-fantasmi” dei principali attori del teatro visionario della psiche; lo sviluppo inedito dello “spettro archetipico” come strumento mitosensibile impareggiabile per la lettura onirica. Che insieme all’antico e avveniristico modello onirologico sarà poi sperimentato in due successivi sogni. Il viaggio si conclude con un diverso tipo di sogno, con cui si potrà iniziare un nuovo tipo di viaggio. 


 
 
Zephyro Edizioni Srl Psicoanalisi Bookshop | P.IVA 12929740152
Piazza Vallicella, 6 - 24047 Treviglio (BG) Tel. 03631901071 - Fax 03631901053 - E-mail: info@psicoanalisibookshop.it - Privacy Policy